• andreaspadoni

I fondatori di Clubhouse programmano una room italiana, il 15 marzo ci si potrà parlare



Non si parla d’altro nelle room da 24 ore: lunedì sera gli utenti italiani di ClubHouse potranno parlare con Paul Davison e Rohan Seth, i fondatori del social network di maggior tendenza del momento.


La notizia si è diffusa nella giornata di sabato, comunicata dagli organi ufficiali di ClubHouse attraverso l' ufficio stampa italiano, e successivamente si è trasformata

in evento ufficiale quando gli stessi Paul e Rohan, hanno “schedulato” nel calendario l’immancabile appuntamento.


“Celebriamo tutti gli italiani su ClubHouse. Salite sul palco, raccontateci la vostra esperienza e fate le vostre domande al fondatore di ClubHouse”, questa la descrizione dell’evento che si trova direttamente sulla piattaforma. Tre righe, onestamente niente di così eccezionale, che hanno fatto esplodere la curiosità tra gli utenti. Appuntamento a lunedì sera 15 marzo, ore 18.30 (qui il link per partecipare all'evento), data storica, probabilmente, per il pubblico italiano ad oggi ancora confinato nel mondo Apple, quindi iOS, con una lista di attesa del popolo Android, pronto a invadere room e club di ogni genere come accade con le zanzare in estate.

CHI SONO I FONDATORI DI CLUBHOUSE


I fondatori, Paul Davison (da non confondere con il grande giocatore di biliardo inglese) e Rohan Seth, hanno una importante esperienza nella costruzione di app social da almeno dieci anni. Prima di lanciare Clubhouse, Paul Davison era noto come creatore di Spotlight, app che serve a condividere la posizione. Rohan Seth invece ha lavorato per Google e ha contribuito a rendere il servizio Maps più intelligente. In seguito, con una startup aperta a suo nome, ha creato svariate app social non rimaste notissime al grande pubblico. L’azienda impiega, oggi come oggi, impiega almeno tre ingegneri oltre a Davison e Seth.

CLUBHOUSE ASSUME


L'azienda conta solo 25 dipendenti. Tra le posizioni più richieste ci sono ingegneri per i sistemi operativi Android e iOS, analisti di sicurezza, un supervisore per gestire il dirompente sviluppo della società e un supervisore del programma operativo. Che profilo deve avere il candidato perfetto? “Si deve occupare profondamente delle persone e deve avere un talento speciale per capire i loro desideri”, dicono gli annunci.


I NUMERI DI CLUBHOUSE


Ad oggi ClubHouse conta circa 330 mila italiani iscritti (aggiornamento al 28 febbraio) e più di 8 milioni nel mondo. La sua valutazione è di 1 miliardo di dollari.

73 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti